Discussione:
ll 7 Luglio di Cesarina: «Noi donne in piazza contro i nazisti»
(troppo vecchio per rispondere)
pirex
2018-07-11 20:31:22 UTC
Permalink
la storia
ll 7 Luglio di Cesarina: «Noi donne in piazza contro i nazisti»

Classe 1926, la partigiana racconta la sua lotta per la libertà di Irene
09 luglio 2018

CARRARA. Cesarina Tosi, ragazza del 7 luglio,
alla vigilia del suo giorno appare più radiosa che mai.
Classe 1926, siede accanto al marito Giorgio Mori, uno degli ultimi
partigiani di Carrara, di tre anni maggiore di lei.
Sembrano due ragazzini.

Spostiamo le lancette dell’orologio indietro al 7 luglio del ’44,
il giorno in cui le donne salvarono la città dai nazisti.
E oltre ancora.
«Odiai i tedeschi da quando arrivarono in città dopo l'armistizio»”
racconta Cesarina Tosi.
In famiglia l'antifascismo si respirava:
il padre, l'ornista Francesco Tosi, lavorava negli studi più rinomati
senza la tessera del fascio.
Un giorno, a Vezzala, i tedeschi arrivarono all’improvviso a rastrellare
gli uomini.
Spararono in aria.
«Il mio cuginetto, Luciano Tassinari, era lì che giocava.
Era solo un bambino.
Un proiettile lo colpì in testa» Cesarina rimase sconvolta.

S’iscrisse ai Gruppi clandestini di difesa della donna:
«Ci riunivamo negli scantinati della bottega di calzature Fiorino
in piazza Alberica.
Lì conobbi Bruna Conti, Ilva Babboni, Dina Bacciola, Francesca Rolla,
Cesarina Stefanini, Sandra Giacomelli, Elda Paglini, Mercede Menconi,
Leda Salviati, Elena Pensierini, Maura Moriconi, Nella Bedini,
la fidanzata di Gino Menconi, Bianca Briganti che faceva parte del gruppo
delle avenzine.
Loro erano le più agguerrite» Avenza aveva dato i natali all’attentatore
di Mussolini, l’anarchico Gino Lucetti, e a Gino Menconi.
«Andavamo al cimitero di Potrignano, tenevamo le armi nascoste nelle
borse,
sotto i fiori».


Un giorno una delle avenzine condusse lei e una compagna a Bocca di Magra
a prendere un carico di armi nascoste in un carretto.
Arrivarono a Grazzano, «C’era un posto di blocco, dei soldati si
avvicinarono;
avevamo il cuore in gola.
Ma non sospettarono nulla e ci aiutarano a passare».
Cesarina conviveva con la paura, ma c'era in lei qualcosa di più forte:
«L’istinto alla libertà».
Fu lei a salvare dal rastrellamento il padre e lo zio con false tessere
della Todt:
li raggiunse percorrendo tutta la città di corsa, li tirò giù dal camion.


Il 7 luglio sui muri di Carrara comparve l’ordine di evacuazione.
I genieri tedeschi fecero esplodere le villette davanti a villa
Fabbricotti.
«Noi donne ci mettemmo in marcia – racconta Cesarina –
arrivammo in piazza delle Erbe, dove le contadine massesi vendevano la
frutta e la verdura. Furiose, rovesciammo i loro cestini.
Come a ribaltare il tradizionale ruolo femminile. Le contadine le
seguirono.

«Marciammo lungo via Garibaldi, raggiungemmo la sede del comando
tedesco».
Con soldati a ogni angolo, le carraresi erano disarmate.
I partigiani erano scesi dal monte con le armi nascoste sotto gli
spolverini di commesso e netturbino. Tra loro c'era Giorgio,
di cui Cesarina s'innamorerà.
«Presero quattro di noi e le massacrarono di botte. Tra cui Mercede».
E la celebre Francesca Rolla, ritratta nel murale di piazza delle Erbe.
Intervennero il prefetto, l’avvocato Barbieri, e Giulio Ridler,
commerciante altoatesino di marmi che faceva da interprete.

Il tenente Tobbens rimandò l'evacuazione alla fine di settembre. Dopo la
Liberazione Cesarina continuò a militare nell'Udi.
Lei e suo marito e il figlio furono costretti a emigrare in Belgio
perché comunisti.
«Siamo stati lì 14 anni. Giorgio lavorò in miniera, poi in fabbrica.
Poi negli altoforni. Tornavo per un mese tutte le estati.
Fa specie che oggi questo Paese chiuda i porti a chi scappa da miseria e
guerra». —

<http://iltirreno.gelocal.it/massa/cronaca/2018/07/09/news/ll-7-luglio-di-cesarina-noi-donne-in-piazzacontro-i-nazisti-1.17044623>
--
pirex, una vita da operaio,
mai prono.
[e gli stronzi, che hanno fatto un patto di sangue con l'idiozia,
s'incazzano a bestia!]

http://tinyurl.com/y7sw3apu
https://cadutisullavoro.blogspot.it/
Giacobino da Tradate
2018-07-12 00:25:40 UTC
Permalink
i tedeschi arrivarono all’improvviso a rastrellare gli uomini.
Spararono in aria. Il mio cuginetto era lì che giocava. Un
proiettile lo colpì in testa»
Quando la retorica e' cosi' grondante che scade nel ridicolo.

O il bambino giocava su una pianta (sparano in aria e lui cade giu' come
in un film di fantozzi) oppure bisognava aggiungere un inciso "forse per
un proiettile di rimbalzo".

Altrimenti siamo alla classica demonizzazione "i comunisti mangiano i
bambini", "i nazisti sparano ai bambini", "i preti inculano i bambini".

il destino dei bambini delle favole e' di non vedere l'eta' adulta.
S’iscrisse ai Gruppi clandestini di difesa della donna
Il Magnotta si iscriveva ai terroristi
I genieri tedeschi fecero esplodere le villette davanti a villa
Fabbricotti . «Noi donne arrivammo in piazza delle Erbe, dove le
contadine massesi vendevano la frutta e la verdura. Furiose,
rovesciammo i loro cestini.
ma le contadine cosa c'entravano?
Marciammo Presero quattro di noi e le massacrarono di botte.
le contadine immagino, cornute e mazziate :-(
Cesarina continuò a militare nell'Udi. Lei e suo marito e il figlio
furono costretti a emigrare in Belgio perché comunisti.
Dovevano emigrare a Siena, al MPS un posto in banca glielo trovavano.
Fa specie che oggi questo Paese chiuda i porti a chi scappa da
miseria e guerra». —
come stile letterario siamo ai foglietti di devozione dei miracoli di
san gaspare del bufalo (CH). Chi ci creda gia', si indigna. Chi e'
scettico, vista la goffaggine involontaria della tua retorica, ride.
--
la cricca dei giacobini (C) M.G.

---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Arduino
2018-07-12 11:51:18 UTC
Permalink
Post by Giacobino da Tradate
ma le contadine cosa c'entravano?
Squallida azione di comuniste rococò che non hanno rispetto delle misere
cose delle contadine
Post by Giacobino da Tradate
Cesarina continuò a militare nell'Udi. Lei e suo marito e il figlio
furono costretti a emigrare in Belgio perché comunisti.
Dovevano emigrare a Siena, al MPS un posto in banca glielo trovavano.
Oppure basta raccontarla giusta. Chissà perché in una toscana dove
c'erano più rossi che alberi proprio loro avrebbero dovuto migrare, (E,
il merito di non aver evacuato la città, diamolo al comandante tedesco, e
non a quatto borghesucce)
--
Arduino d'Ivrea
Bhisma
2018-07-12 12:23:51 UTC
Permalink
Post by Giacobino da Tradate
Post by pirex
I genieri tedeschi fecero esplodere le villette davanti a villa
Fabbricotti . «Noi donne arrivammo in piazza delle Erbe, dove le
contadine massesi vendevano la frutta e la verdura. Furiose,
rovesciammo i loro cestini.
ma le contadine cosa c'entravano?
Il mercato c'entrava eccome, ovviamente.

Il 7 Luglio '44 il comando tedesco aveva diffuso un bando di
sfollamento che annunciava l'evacuazione forzosa di Massa Carrara e lo
sfollamento dei civili residenti -- che comprendevano anche quelli giù
sfollati in città dalla linea costiera -- oltre la linea gotica, per
motivi militari e politici, il sentimento antitedesco locale era molto
forte.

Per inciso, questa politica di "pulizia" dei civili da quell'area è il
preludio delle stragi nazifasciste che insanguinarono le Apuane in
quell'estate: Sant'Anna di Stazzema, 560 morti, Valla, 107 morti,
Vinca, 173 morti, Bergiola, 72 morti, fiume Frigido 159 morti, solo per
citare le maggiori epiù famose. In prevalenza donne, vecchi, bambini. E
non si trattò certo di pallottole di rimbalzo.

LA resistenza apuana al 7 Luglio non era certo in grado di contrastare
militarmente un'evacuazione forzosa della città, solo nel Novembre di
quello stesso anno i partigiani potranno seriamente contrastarne per
alcuni giorni l'occupazione tedesca, con un episodio celebre di
occupazione della città, liberazione di ostaggi, impegno tedesco a
considerare Massa Carrara zona franca

Quindi il 7 Luglio Venne deciso di contrastare il bando di evacuazione
con una manifestazione popolare.
Il CLN locale invitò i cittadini a non sfollare con tutti i mezzi
possibili data la clandestinità in cui era costretto ad operare, ed
organizzò per il'undici Luglio una manifestazione, composta in
prevalenza di donne.
Logicamente, il punto di ritrovo è appunto la piazza delle Erbe, dove
c'è il mercato.
Rovesciare le ceste ha un preciso senso di chiamata a raccolta: la vita
quotidiana della città è sospesa, occorre andare a protestare, non si
può restare abbarbicati al quotidiano e al tradizionale ruolo femminile
che pensa solo a fare la spesa in un momento del genere.
L'iniziativa ha successo: dalla piazza delle Erbe centinaia di donne si
recano in corteo davanti al comando tedesco, i tedeschi e i fascisti le
imobottigliano puntando le armi, momenti di grande tensione, qualche
arresto... ma i tedeschi non si sentono di innescare una strage di
quelle proporzioni nel centro di una grande città e l'ordine di
evacuazione viene annullato.

Mi spiace per te e per quelli come te, capisco che pagine di storia
come queste vi facciano venire il nervoso, ma questo resta *comunque*
un momento glorioso, terribile e significativo della Resistenza
toscana, uno di tanti, e non bastano quattro stupide battutine di
cattivo gusto su Magnotta ad oscurarlo.
Post by Giacobino da Tradate
Post by pirex
Fa specie che oggi questo Paese chiuda i porti a chi scappa da
miseria >e guerra». —
come stile letterario siamo ai foglietti di devozione dei miracoli di
san gaspare del bufalo (CH). Chi ci creda gia', si indigna.
Se una donna di 92 anni non condivide la politica dell'attuale governo
sull'immigrazione e la trova contraria a quei valori per cui ha
combattuto rischiando la vita in prima persona come partigiana e
resistente ha *ogni* *diritto* *di* *esprimere* *questa* *sua*
*opinione* e d richiamarasi ai valori per i quali ha combattuto e
*vinto*.
Capisco che la cosa faccia rosicare non poco chi si sente male ad ogni
menzione della nostra Resistenza,della nostra Costituzione e dei valori
politici e morali su cui si fonda la Repubblica Italiana, che vi fanno
puntualmente venire l'allergia, immigrati o non immigrati, come si
deduce chiaramente dal tuo livoroso commento, che cercando di
ridicolizzare un episodio come il 7 Luglio di Massa Carrara ridicolizza
se stesso. Ma in fondo è bene che vi facciate vedere per quello che
siete.
--
Saluti da Bhisma
... e il pensier libero, è la mia fé!
Giacobino da Tradate
2018-07-12 16:27:54 UTC
Permalink
Il 12/07/2018 14:23, Bhisma ha scritto:

Premetto sinceramente che a me sta sul cazzo il comportamento
sistematico di Pirex perche' ha la mentalita' e il comportamento del
propagandista e del piazzista politico. E' famoso per andare nei gruppi
tecnici per farci i suoi appelli offtopic.

Tutto quello che lui racconta puo' anche essere vero, o comunque
meritevole di approfondimento, ma raccontato da lui diventa
automaticamente propaganda e pubblicita' di parte.

Sindrome di Clarinetto.
Post by Bhisma
Il 7 Luglio '44 il comando tedesco aveva diffuso un bando di
sfollamento che annunciava l'evacuazione forzosa di Massa Carrara per
motivi militari e politici, il sentimento antitedesco locale era
molto forte.
Immagino.
Post by Bhisma
Per inciso, questa politica di "pulizia" dei civili da quell'area
Conosco, preferirei approfondire il fatto, che non conosco.
Post by Bhisma
Il CLN locale invitò i cittadini a non sfollare ed organizzò per
il'undici Luglio una manifestazione, composta in prevalenza di donne.
Rovesciare le ceste ha un preciso senso di chiamata a raccolta
Le attiviste hanno rimproverato le crumire. Ma questo e' successo il g.
7 o il g. 11?
Post by Bhisma
L'iniziativa ha successo: dalla piazza delle Erbe centinaia di donne
si recano in corteo davanti al comando tedesco ... ma i tedeschi non
si sentono di innescare una strage di quelle proporzioni nel centro
di una grande città e l'ordine di evacuazione viene annullato.
Gli e' anche andata bene, non conoscevo l'episodio.

Se in citta' comandava come penso un ufficiale superiore, verosimilmente
era piu' duttile mentalmente rispetto ad uno sgherro da rastrellamento.
Post by Bhisma
Mi spiace per te e per quelli come te, capisco che pagine di storia
come queste vi facciano venire il nervoso,
Non e' detto bene, il nervoso me lo fa venire il propagandista, non
l'episodio. Nello specifico, il propagandista ha copiaincollato un
pezzullo grondante retorica agiografica.
Post by Bhisma
ma questo resta *comunque* un momento glorioso, terribile e
significativo della Resistenza
ma e' successo il 7 (episodio popolare spontanista) o il giorno 11
(pianificato dalla Resistenza)?
Post by Bhisma
e non bastano quattro stupide battutine di cattivo gusto su Magnotta
ad oscurarlo.
Potrei dire la stessa cosa: la storia e' troppo seria per affidarla a
dei clarinetti di regime.
Post by Bhisma
Post by Giacobino da Tradate
come stile letterario siamo ai foglietti di devozione dei miracoli
di san gaspare del bufalo (CH). Chi ci creda gia', si indigna.
Se una donna di 92 anni non condivide la politica dell'attuale
governo sull'immigrazione
Nessun problema, la anziana reduce si e' prestata volentieri ad una
piccola operazione mediatica. L'episodio sara' stato il momento di
svolta della sua vita e chissa' quante volte giela avranno gia' fatta
raccontare.
Post by Bhisma
e la trova contraria a quei valori per cui ha combattuto rischiando
la vita in prima persona come partigiana e resistente ha *ogni*
*diritto* *di* *esprimere* *questa* *sua* *opinione* e d
richiamarasi ai valori per i quali ha combattuto e *vinto*.
Ma cosa vuoi che dica una ex-partigiana in una regione piddina, e' ovvio
che la nonna mostra il sol dell'avvenire, intanto i nipoti, perso ogni
slancio ideale, trafficano. In toscana la resistenza, la costituzione,
la pira, dossetti, cosa hanno prodotto? Una cappa plumbea di regime
locale, 4 miliardi rubati, il giovane renzi alleato di verdini e figlio
di un vecchio traffichino. Che e' stato degli ideali?
Post by Bhisma
Capisco che la cosa faccia rosicare non poco chi si sente male ad
ogni menzione della nostra Resistenza, della nostra Costituzione e
dei valori politici e morali su cui si fonda la Repubblica Italiana,
che vi fanno puntualmente venire l'allergia,
Sono 70 anni che si sventolano gli ideali che furono di pochi
coraggiosi per una breve stagione, per poi coltivare da decenni e con
profitto i numerosi e abbondanti interessi di bottega di politicanti
corruttibili o corrotti, ceti parassitari, speculatori di ogni razza e
taglia.

Dal Monte Amiata al giglio magico. Bella merda.

Non mi sventolare valori di facciata, che la politica attuale riverisce
da lontano riducendoli a feticci da celebrazione.
Post by Bhisma
immigrati o non immigrati, come si deduce chiaramente dal tuo
livoroso commento, che cercando di ridicolizzare un episodio come il
7 Luglio di Massa Carrara ridicolizza se stesso.
Non conoscevo l'episodio. Il popolo ha difeso le sue case. Gli e' andata
bene. Sono contento per loro.
--
la cricca dei giacobini (C) M.G.

---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
pirex
2018-07-12 18:59:09 UTC
Permalink
Post by Giacobino da Tradate
Premetto sinceramente che a me sta sul cazzo il comportamento
sistematico di Pirex
La Storia non l'ha scritta pirex, fattene una ragione.
--
pirex, una vita da operaio,
mai prono.
[e gli stronzi, che hanno fatto un patto di sangue con l'idiozia,
s'incazzano a bestia!]

http://tinyurl.com/y7sw3apu
https://cadutisullavoro.blogspot.it/
Giacobino da Tradate
2018-07-13 07:06:39 UTC
Permalink
Post by pirex
a me sta sul cazzo il comportamento sistematico di Pirex
La Storia non l'ha scritta pirex
e' quello che dico anch'io, tu scrivi propaganda, non storia.

Cioe' non scrivi per produrre conoscenze o informazioni, ma per
suscitare emozioni e produrre indignazione.
--
la cricca dei giacobini (C) M.G.

---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Arduino
2018-07-13 08:27:25 UTC
Permalink
Post by Giacobino da Tradate
e' quello che dico anch'io, tu scrivi propaganda, non storia.
Cioe' non scrivi per produrre conoscenze o informazioni, ma per
suscitare emozioni e produrre indignazione.
Condivido al cento per cento, assurdo trasformare la storia in propaganda, e
assurdo immaginarsi che ci sia ancora qualcuno che si rode per la sconfitta
dell'asse.
Sarebbe un po' come pensare che qualcuno stia ancora piangendo perché Elstin ha
fermato il colpo di stato comunista.
Per spiegarmi ancora meglio: ammesso e non concesso che ci sia qualche
simpatizzante del fascismo; se anche avessero vinto la guerra, per una legge di
natura Mussolini a un certo momento sarebbe inevitabilmente morto, e subito, o
dopo un certo tempo, il suo regime sarebbe finito.
Tanto per chiacchierare, se fossi fascista, e avessi modo di cambiare il corso
degli eventi, non potendo auspicare una vittoria della Germania, come soluzione
migliore punterei a un Dino Grandi nominato presidente del consiglio il 25
luglio, il quale il 26 avesse dichiarato il ritorno alla guerra parallela e
chiesto il ritiro dei soldati tedeschi.
Reazione della Germania nei giorni successivi, con gravosa sconfitta germanica
con conseguente crollo della Germania entro brevissimo tempo.
Ciò avrebbe evitato la guerra civile e mascherato l'assoluta incapacità bellica
italiana.
--
Arduino d'Ivrea
pirex
2018-07-13 11:32:07 UTC
Permalink
Post by Arduino
Post by Giacobino da Tradate
e' quello che dico anch'io, tu scrivi propaganda, non storia.
Cioe' non scrivi per produrre conoscenze o informazioni, ma per
suscitare emozioni e produrre indignazione.
Condivido al cento per cento, assurdo trasformare la storia in propaganda
E'mquello che fai da una vita.
--
pirex, una vita da operaio,
mai prono.
[e gli stronzi, che hanno fatto un patto di sangue con l'idiozia,
s'incazzano a bestia!]

http://tinyurl.com/y7sw3apu
https://cadutisullavoro.blogspot.it/
Arduino
2018-07-13 17:21:26 UTC
Permalink
E'quello che fai da una vita.
Cita una mia affermazione propagandistica.
--
Arduino d'Ivrea
Bhisma
2018-07-12 19:15:54 UTC
Permalink
Post by Giacobino da Tradate
Le attiviste hanno rimproverato le crumire. Ma questo e' successo il
g. 7 o il g. 11?
Il giorno 11, il giorno della manifestazione.
Il giorno 7 è la data in cui venne reso noto ilbando di sfollamento, ma
l'intero episodio nel ricordo locale, comprese celebrazioni, strade
intitolate all'evento e via dicendo è rubricato come "giornate del 7
luglio".
Post by Giacobino da Tradate
Post by Bhisma
L'iniziativa ha successo: dalla piazza delle Erbe centinaia di donne
si recano in corteo davanti al comando tedesco ... ma i tedeschi non
si sentono di innescare una strage di quelle proporzioni nel centro
di una grande città e l'ordine di evacuazione viene annullato.
Gli e' anche andata bene, non conoscevo l'episodio.
Sì, gli è andata bene.
Anche le donne arrestate furono rilasciate.
Ma non c'erano garanzie che gli andasse bene *prima* e ci volle
comunque un bel coraggio per andare a protestare in massa sotto il naso
(e i fucili) dei tedeschi.
Per chi ne ha memoria, questo è un episodio di cui localmente i
carrarini sono sempre andati piuttosto fieri.
Post by Giacobino da Tradate
Se in citta' comandava come penso un ufficiale superiore,
Il decreto di sfollamento era firmato da un certo Tenente Tobbens,
qualificato come "comandante di zona".
Questo mi fa pensare che le forze tedesche di stanza a Massa Carrara in
quel momento non fossero particolarmente numerose.
Avranno pensato bene di non rischiare un'insurrezione -- le forze
partigiane erano ancora in fase di organizzazione ma non erano
insignificanti e immagino che i tedeschi lo sapessero.
Inoltre, se un'intera città ti dice "non me ne vado" -- per quanto ne
so alla data del 9 luglio quando la popolazione avrebbe dovuto
presentarsi al parco cittadino per lo sfollamento in massa pena "gravi
sanzioni" non specificata, non si era presentato nessuno o quasi --
sfollarla di forza con solo qualche compagnia (se comandava un tenente
doveva essere quello il livello tedesco) con il rischio di dover
affrontare qualche forma di resistenza armata non gli sarà parso il
caso.
Post by Giacobino da Tradate
verosimilmente era piu' duttile mentalmente rispetto ad uno sgherro
da rastrellamento.
Al contrario. Le atrocità naziste sulle Apuane si svolsero soprattutto
poi, quando ormai in zona era stato distaccato un battaglione di SS.
Erano waffen-SS, unità combattenti, mi pare panzer-grenadieren,
comandate dal tristemente noto maggiore Reder, soprannominato dai
locali "il monco" per via di un braccio perso in guerra.
Era un ufficiale pluridecorato, aveva combattuto in Francia, Europa
dell'Est, in Russia, e infine contro gli Alleati in Italia, finendo per
ritirarsi nella zona di Pietrasanta e dopo la ferita aveva rifiutato un
posto nello stato maggiore della propria divisione, preferendo tornare
in prima linea
Non era uno "sgherro da rastrellamento", era un ufficiale combattente e
suppongo anche molto valoroso, ma era anche uno criminale di guerra,
spietato persino per gli standard tedeschi che spesso in quel momento
erano già di disprezzo, risentimento ed odio verso gli italiani
"traditori".
La tattica della "terra bruciata" contro la popolazione civile per
contrastare la guerriglia partigiana credo fosse una sua iniziativa,
nulla di diverso da quella che aveva imparato in Russia, immagino.
Questa tattica, oltre agli eccidi citati, più tardi condusse anche al
tristemente famoso massacro di Marzabotto e dintorni, circa 770 morti,
di cui 197, tra cui 52 bambini radunati nel cimitero e falciati con le
mitragliatrici.
Tanto per gradire, il parroco locale venne ritrovato decapitato.
L'eccidio venne negato dalle autorità fasciste e tedesche,
inizialmente, ma si riseppe comunque, anche se le sue inaudite
proporzioni emersero interamente solo a Liberazione avvenuta.
Di tutto questo si macchiò sempre lo stesso reparto comandato dal Reder
che, arrestato dopo la guerra dagli americani, venne estradato in
Italia e condannato all'ergastolo.
Venne liberato nell'85 dopo trent'anni di galera.
In prigione aveva scritto richieste di perdono ai familiari delle
vittime esprimendo il proprio pentimento, ma una volta in libertà
ritrattò quelle richieste dichiarando di non avere nulla di cui farsi
perdonare e che erano state scritte dagli avvocati della difesa contro
la sua volontà.
Post by Giacobino da Tradate
Non e' detto bene, il nervoso me lo fa venire il propagandista, non
l'episodio. Nello specifico, il propagandista ha copiaincollato un
pezzullo grondante retorica agiografica.
E' il racconto di una donna di più di novant'anni che di quegli episodi
è stata protagonista diretta e che ha rischiato la pelle molte volte.
Tu chiamala pure come ti pare, io la chiamo commozione.
E per Dio, ha *ogni* *diritto* di essere commossa quando rievoca quei
momenti.
Post by Giacobino da Tradate
ma e' successo il 7 (episodio popolare spontanista) o il giorno 11
(pianificato dalla Resistenza)?
Ovviamente ci fu una pianificazione clandestina, non è che con le
truppe tedesche e i fascisti in città potevi fare un giro di SMS, che
riuscì comunque ad evocare in un momento molto difficile una spontanea
e relativamente numerosa manifestazione di donne, grazie anche al
famoso rovesciamento delle ceste al mercato. In altri termini,
spiacente, non fu solo un gombloddo gomunisda <g>
Post by Giacobino da Tradate
Potrei dire la stessa cosa: la storia e' troppo seria per affidarla a
dei clarinetti di regime.
Spiacente, la nostra Repubblica, nata proprio da quella Resistenza, non
è un "regime", anche se non per caso intorno alla celebrazione di
memorie del genere e dei valori resistenziali si radunano non solo i
superstiti ma chi della Resistenza italiana -- *ITALIANA*, mi capisci?
Non gomunisda, di sinistra, delle zecche, dei leccanegri, dei finocchi
eccetera, come piacerebbe pensare e dare ad intendere a voi, ma di
tutti gli italiani, dai monarchici ai cattolici ai repubblicani ai
socialisti agli azionisti ai comunisti e via dicendo che si ritrovarono
nel progetto comune di un' *ITALIA* libera e democratica di segno
opposto al totalitarismo nazifascista -- si considera erede, come sua
erede sono la nostra Costituzione, le nostre Istituzioni, la stessa
Chiesa Cattolica che in quelle celebrazioni si ritrova a pieno titolo,
i rappresentanti delle altre nazioni occidentali democratiche, l'intero
assetto ideale sancito dalla Dichiarazione Universale dei Diritti ONU
nel '48 e che impedisce, perlomeno da noi, che certe barbarie infami
abbiano a ripetersi troppo facilmente.

una realtà storica e politica bem salda che ci vuol altro che qualche
strillata su Internet per offuscare, come ti ho già fatto presente
quando hai messo sullo stesso piano come peso le manifestazioni per il
ricordo della strage di Sant'Anna con un bischerello che ha strillato
"viva la RSI" su Facebook.

E ringrazia il Cielo -- e coloro che hanno dato o rischiato la vita per
questo -- che questa Repubblica sia una democrazia e non un regime.
Perché se fosse un regime, tu adesso saresti già in galera o subiresti
come minimo una visitina della polizia politica a casa solo per le
parole che hai usato.

Il ricordo di episodi come questi non è una sonatina di clarinetto, ma
è esperienza reale che si è incisa nel cuore di chi li ha vissuta.
Questa memoria *reale* si starà forse perdendo, come vissuto diretto di
chi quei momenti li ha passati, ma non per questo è meno vera e
preziosa e non per questo è un baluardo meno potente contro il ritorno
delle fosche scelleratezze del XX° secolo.
Post by Giacobino da Tradate
Nessun problema, la anziana reduce si e' prestata volentieri ad una
piccola operazione mediatica.
E perché non doveva farlo? Se gli aspiranti cacciatori di negri ebrei e
gomunisdi rosicano quando certi ricordi ricevono attenzione, tanto
meglio.

L'episodio sara' stato il momento di
Post by Giacobino da Tradate
svolta della sua vita e chissa' quante volte giela avranno gia' fatta
raccontare.
Probabilmente molte -- anche se magari di esperienze significative ne
ha avute altre. Se invece di farsi assumere al Monte dei Paschi di
Siena come da te raccomandato le è toccato emigrare in Belgio, un
motivo ci sarà. In ogni caso le auguro di campare cent'anni e di
raccontare quella storia cento volte, a tuo marcio dispetto.
Post by Giacobino da Tradate
Ma cosa vuoi che dica una ex-partigiana in una regione piddina
Oh, mio Dio, se era veneta cambiava tutto, vero?
Perché la Resistenza cè stata solo nelle regioni piddine?
Ah già, lo scordavo che la vostra nuova vulgata prescrive che la
Resistenza l'abbia fatta solo il PD.
Assieme alle zecche, ai leccanegri, ai finocchi e ai delinquenti,
naturalmente <g>
Post by Giacobino da Tradate
e'
ovvio che la nonna mostra il sol dell'avvenire,
Non mostra quello, nipotino infantile ed ignorante che non capisce.
Mostra le conseguenze di razzismo, fascismo e nazismo quando tocca
sopportarlo sulla propria pelle.
Spiacente, ma prima che gli italiani ricomincino ad andar dietro al
fascio littorio e alla svastica dovrà passarne ancora di acqua sotto i
ponti, ho idea.
Post by Giacobino da Tradate
intanto i nipoti,
perso ogni slancio ideale, trafficano. In toscana la resistenza, la
costituzione, la pira, dossetti, cosa hanno prodotto? Una cappa
plumbea di regime locale, 4 miliardi rubati, il giovane renzi alleato
di verdini e figlio di un vecchio traffichino. Che e' stato degli
ideali?
Eh, per lo slancio ideale e il cuore oltre l'ostacolo aspettiamo voi,
le adunate oceaniche maschie virili e trionfanti in piazza con la
camicia nera, gli stivaloni, i manganelli, il bellicismo straccione che
a contatto con la guerra vera si sfalda in quattro e quattr'otto, la
caccia al negro all'ebreo al finocchio al gomunisda, la polizia segreta
che sorveglia tutti, la proibizione della dissidenza e via dicendo.

Però Vedi, capisco che chi vi siate un po' gasati ultimamente, ma non
ti sbagliare, per restaurare quei begli ideali lì, vi toccherà ancora
aspettare e sperare, ho idea <g>
Post by Giacobino da Tradate
Sono 70 anni che si sventolano gli ideali che furono di pochi
coraggiosi per una breve stagione, per poi coltivare da decenni e con
profitto i numerosi e abbondanti interessi di bottega di politicanti
corruttibili o corrotti, ceti parassitari, speculatori di ogni razza
e taglia.
Ma piantala. Sta retorica del piffero contro la democrazia e i vili
botteganti e la borghesia tremebonda e profittatrice che si annida
negli angolini oscuri sembra presa di peso da un film del ventennio e
fa solo ridere i polli.

Ma tu continua pure a rosicare, eh? TI assicuro che la cosa non mi
impedisce minimamente di apprezzare il tricolore, la repubblica
italiana, e i diritti civili di cui continuo a godere... anche se gente
come te mi fa venire un po' la voglia di farglielo assaggiare davvero,
un po' di regime.
--
Saluti da Bhisma
... e il pensier libero, è la mia fé!
Giacobino da Tradate
2018-07-13 10:41:29 UTC
Permalink
Anche le donne arrestate furono rilasciate. Ma non c'erano garanzie
che gli andasse bene *prima* e ci volle comunque un bel coraggio per
andare a protestare in massa sotto il naso (e i fucili) dei
tedeschi.
ma in tutte le insurrezioni (anche adesso in afghanistan, in irak - cfr
american sniper [libro]), se possono, mandano avanti le donne.
Disorientano il nemico, producono indecisione, se le ammazzano sono
militarmente sacrificabili.
Per chi ne ha memoria, questo è un episodio di cui localmente i
carrarini sono sempre andati piuttosto fieri.
Immagino.
Il decreto di sfollamento era firmato da un certo Tenente Tobbens,
qualificato come "comandante di zona".
Ah beh. Un tenente che sfolla 50.000 persone e' anche un bel po'
fiducioso in se'. Ci ha provato.
Post by Giacobino da Tradate
pezzullo grondante retorica agiografica.
E' il racconto di una donna di più di novant'anni
Il pezzullo non lo ha scritto lei, la grossolanita' agiografica e' del
cronista locale. tecnicamente sembra un "pezzo di regime", analogo alla
retorica anteguerra, solo cambiata di segno. La bravura consiste nel
nascondere i sentimenti, lasciar parlare i fatti e lasciar
che l'emozione scaturisca dai fatti. D'altra parte, se sono 70 anni che
rievocano una giornata gloriosa, a questo punto anche lui non sapeva
piu' cosa scrivere.

Effetto Alpini, con tutto l'affetto con gli Alpini: avranno anche
combattuto in russia, ma ormai sono folklore da raduno.
E per Dio, ha *ogni* *diritto* di essere commossa quando rievoca quei
momenti.
lei si' ma il giornalista e' un cane.
eccetera, come piacerebbe pensare e dare ad intendere a voi
lo spirito di fazione si rivela in proprio in questi dettagli: noi, voi,
bianchi, neri, giusto, sbagliato... lo spirito del gregge contro lo
spirito critico.
nel '48 e che impedisce, perlomeno da noi, che certe barbarie infami
abbiano a ripetersi troppo facilmente.
Piu' bella e piu' grande che pria!
Perché se fosse un regime, tu adesso saresti già in galera o
subiresti come minimo una visitina della polizia politica a casa
solo per le parole che hai usato.
Amen, una notte in questura me la sono gia' fatta, mi sembrera' di
tornare giovane.
Post by Giacobino da Tradate
Nessun problema, la anziana reduce si e' prestata volentieri ad una
piccola operazione mediatica.
E perché non doveva farlo?
Ma se ho detto "nessun problema"! lei fa benissimo a rievocare. il
problema sono i non-eroi che da 70 anni le fanno grandi complimenti, e
intanto ci marciano.
Se invece di farsi assumere al Monte dei Paschi di Siena come da te
raccomandato le è toccato emigrare in Belgio, un motivo ci sarà.
Si'. La banca non era ancora infiltrata dai paraculi di regime e non
dava un posto a una qualunque solo perche' una volta aveva ribaltato
delle ceste.
a tuo marcio dispetto.
Io sono serenissimo :-)
Post by Giacobino da Tradate
Ma cosa vuoi che dica una ex-partigiana in una regione piddina
Oh, mio Dio, se era veneta cambiava tutto, vero? Perché la
Resistenza cè stata solo nelle regioni piddine?
La Lombardia ha prodotto i partigiani dell'oltrepo' che hanno catturato
e fucilato Mussolini. Che cazzo hanno fatto i toscani, a parte farsi
massacrare? Ciucciami il calzino.
Spiacente, ma prima che gli italiani ricomincino ad andar dietro al
fascio littorio e alla svastica dovrà passarne ancora di acqua sotto
i ponti, ho idea.
Salvini aveva fondato i comunisti padani, per dire. Maroni (che era un
mio compagno di scuola al liceo) era lo specialista del Manifesto.
L'imprint e' questo.
Eh, per lo slancio ideale e il cuore oltre l'ostacolo aspettiamo voi,
le adunate oceaniche maschie virili e trionfanti
oltre a questa retorica da presa per il culo sai produrre anche qualche
intervento originale? sforzati.
Vedi, vi siate, non ti sbagliare, vi toccherà,
patetico fazioso, leone di tastiera, in una vera guerra (benche' civile)
ti saresti imboscato nei tuoi studi para-mistici.
Post by Giacobino da Tradate
coltivare da decenni e con profitto i numerosi e abbondanti
interessi di bottega di politicanti corruttibili o corrotti, ceti
parassitari, speculatori di ogni razza e taglia.
ta retorica del piffero contro la democrazia e i vili botteganti e la
borghesia tremebonda e profittatrice che si annida negli angolini
oscuri sembra presa di peso da un film del ventennio e fa solo ridere
i polli.
Non e' una opinione ti invito a leggere "il golpe invisibile", di tale
Giorgio Galli, politologo che do' per conosciuto perfino da te.
mi fa venire un po' la voglia di farglielo assaggiare
davvero, un po' di regime.
Basta aspettare e lo stronzo viene fuori.
--
la cricca dei giacobini (C) M.G.

---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Bhisma
2018-07-14 16:18:52 UTC
Permalink
Post by Giacobino da Tradate
lo spirito di fazione si rivela in proprio in questi dettagli: noi,
voi, bianchi, neri, giusto, sbagliato... lo spirito del gregge contro
lo spirito critico.
Come no <g>

*IO* difendo un assetto politico ed ideale, Dichiarazione Universale
ONU, Costituzione Italiana, diritti umani e civili, legalità,
democrazia, libertà di pensiero e di parola, rifiuto del razzismo e del
bellicismo oltranzista, che è nato proprio dalla grande catastrofe
della seconda guerra mondiale e dal rifiuto delle premesse ideologiche
nazifasciste da cui questa immane tragedia è stata causata, dalla
tradizione democratica USA ed anglosassone, dalle Resistenze nazionali
che in alleanza ad essa al nazifascismo si sopo opposte, un assetto
politico ed ideale che è il quadro formmale e sostanziale entro cui
*TUTTE* le democrazie occidentali si sono riconosciute, al di là delle
specifiche differenze e dentro il quale *tutte* le forze politiche che
in queste democrazie si sono alternate, destre, sinistre, centri,
cattolici e cristiani, laici e comunisti eccetera si sono riconosciute
per settant'anni e si riconoscono tuttora.

*TU* attacchi questo assetto perchè Renzi fa flanella con Verdini e
perché mancano i valori, come se per rifarsi ai valori democratici e
togliere di mezzo Renzi bisognasse rinunciare a democrazia e legalità...

E il fazioso sarei *IO*? <g>

Nini, ma che vai cercando? Ma non ti rendi conto di quanto sei ridicolo?
Post by Giacobino da Tradate
Post by Bhisma
nel '48 e che impedisce, perlomeno da noi, che certe barbarie infami
abbiano a ripetersi troppo facilmente.
Piu' bella e piu' grande che pria!
Spiacente, credo proprio che gli anticorpi politici, sociali,
istituzionali, legali e via dicendo siano troppo solidi perché la
caccia al negro all'ebreo al finocchio e al gomunisda possa ripetersi.
Oh, certo, al momento va di moda sbraitare su Internet, per alcuni la
ripetizione in chiave farsesca di questi drammi storici sta diventando
proprio una moda.
Ma magistratura e polizia sono dietro l'angolo <g>
Potete sbraitare quanto vi pare che sono gomunisdi pure giudici e
poliziotti, ma la realtà è e resta questa.
Post by Giacobino da Tradate
Post by Bhisma
Perché se fosse un regime, tu adesso saresti già in galera o
subiresti come minimo una visitina della polizia politica a casa
solo per le parole che hai usato.
Amen, una notte in questura me la sono gia' fatta, mi sembrera' di
tornare giovane.
COntento te. Però sai cosa diceva Churchill, vero? "Chi non è radicale
da giovane è un arido, ma chi è radicale da vecchio è un fesso".
Post by Giacobino da Tradate
La Lombardia ha prodotto i partigiani dell'oltrepo' che hanno
catturato e fucilato Mussolini. Che cazzo hanno fatto i toscani, a
parte farsi massacrare?
Oh beh, hanno liberato Firenze da soli e hanno fatto il culo ai
tedeschi a Piombino prima ancora che di Resistenza si sentisse anche
solo parlare.
Ma poco importa: la prossima volta i giornalisti troveranno una
partigiana lumbard, o veneta o piemontese, così vedremo se potrai
ancora buttarla sul campanilismo greve ed ottuso stile "Oddiiiiiiiiio,
la regione rossa!!!"
Post by Giacobino da Tradate
Salvini aveva fondato i comunisti padani, per dire. Maroni (che era un
mio compagno di scuola al liceo) era lo specialista del Manifesto.
L'imprint e' questo.
No.
L'imprint è che pure Salvini ha giurato fedeltà a *questa* Repubblica e
a *questa* Costituzione.
Può mostrare i muscoli e strizzare l'occhio ai razzisti e al neonazismo
umorale di parte della sua base quanto gli pare, ma sta bene attento a
non oltrepassare questi limiti, *LUI*.
Perché bastano un paio di telefonate a rimetterlo a posto quando
esagera e lo sa benissimo, a differenza di voi.
Quei famosi assetti costituzionali politici e legali che tanto vi danno
fastidio perché in realtà sono abbastanza solidi da relegarvi
nell'angolo in cui vi siete cacciati, hai presente, vero? <g>
Post by Giacobino da Tradate
Post by Bhisma
Eh, per lo slancio ideale e il cuore oltre l'ostacolo aspettiamo
voi, le adunate oceaniche maschie virili e trionfanti
oltre a questa retorica da presa per il culo sai produrre anche
qualche intervento originale? sforzati.
Fammi capire nini. Mi vieni ad attaccare Resistenza, Costituzione,
Repubblica, uguaglianza di fronte alla legge, legalità democratica e
via dicendo perché Renzi ti sta sulle palle e questa società ti pare
priva di valori, e ti aspetti pure che trovi qualche argomento
"originale" per contrastarti? <g>

Spiacente, non ne ho nessun bisogno.

Gli argomenti in pro di democrazia e legalità contro il totalitarismo
eversivo restano gli stessi da settant'anni... e idealmente sono sempre
gli stessi anche da trecento, se è per questo. Non ho proprio nessun
bisogno di inventarmi qualcosa di nuovo.
Post by Giacobino da Tradate
patetico fazioso, leone di tastiera,
Ah sì?

Ma guarda, io direi invece che patetici faziosi e leoni da tastiera
sono quelli che passano la vita attaccati ad Internet a vomitare odio,
a riprodurre viralmente fake news e ideologie razziste e nazifasciste,
a straparlare di caccia al negro all'ebreo al finocchio e al gomunisda,
blaterare di stupri alle femministe, farsi venire l'acquolina in bocca
all'idea di tagliare la gola, fucilare, buttare in alto mare dagli
aerei in stile argentino e via dicendo i nemici politici, salvo poi
farsela nelle mutande e cercare di battersela e finire frignando a
chiedere scusa quando qualcuno si scoccia e li denuncia per davvero <g>.

Mentre *IO*, vedi, non ho alcun bisogno di fare così.

*IO* sono quello che ha vinto negli ultimi settant'anni e non ha
proprio nessun bisogno di sbraitare e di esortare all'armiamoci e
partite di stampo eversivo su Internet o di passare la vita attaccato
al PC a diffondere messaggi totalitari eversivi e razzisti peggio di un
bot per consolarsi della sua impotenza reale.
Chiamare a raccolta a raccolta i soliti dieci o cento o mille coglioni
per attaccare un vescovo, un uomo politico, un attore, un ebreo, un
calciatore negro o l'odiato di turno per rincuorarsi spandendo un po'
di insulti sui social, sarà anche consolatorio, non ne dubito, ma nel
mondo reale lascia il tempo che trova.

Perché vedi, nel mondo *reale* sono *IO* quello che dalla sua parte ha
democrazie occidentali, Repubblica, Costituzione, Stato, Leggi,
Magistratura, Forze Armate e una grande maggioranza di gente che di
queste follie al massimo se la ride di gusto.
Lo so che quando partite per le vostre ardite offensive squadriste
mediatiche su Internet lo fate proprio per scordarvi di questo piccolo
particolare, ma le cose stanno e restano *COSI'*, nini, vi piaccia o
non vi piaccia <g>
Post by Giacobino da Tradate
in una vera guerra (benche'
civile) ti saresti imboscato nei tuoi studi para-mistici.
Vedi nini, non siamo in guerra, né civile né di altro tipo, per fortuna.
Disgraziata la terra che ha bisogno di eroi, e onestamente non so cosa
farei se un'eventualità del genere si presentasse, però malgrado le
vostre velleità mi sa che resta un'ipotesi piuttosto remota.
Per cui, avvisami quando sei riuscito a farla scoppiare sta guerra
civile, eh, che allora vedrò cosa fare <g>
Nel frattempo posso continuare a ridermela allegramente di voi
strilloni e occuparmi felicemente di quel che mi interessa davvero.
Un'esistenza da pacifico borghese, lietissimo di vivere la sua vita
nella cornice in cui si trova, e di starsene comodo comodo nei suoi
angolini oscuri ad attendere ai suoi studi preferiti, lontano dai
foschi drammi storici che gli strilloni insofferenti ed immaturi come
te evocano ad ogni piè sospinto senza nemmeno rendersi bene conto di
che razza di genio pericoloso stanno sblaterando.
Post by Giacobino da Tradate
Basta aspettare e lo stronzo viene fuori.
Oh, con te non c'è nessun bisogno di aspettare. Sei così ansioso di far
piovere addosso agli altri la merda a cui aneli, che esce fuori ad ogni
respiro che fai. Ti auguro soltanto di non riuscire mai davvero a
costringere gli altri a fare gli stronzi, perché quando succede poi le
conseguenze si sanno, e tornerete a frignare per altri settant'anni.
--
Saluti da Bhisma
... e il pensier libero, è la mia fé!
Arduino
2018-07-14 18:03:06 UTC
Permalink
Post by Bhisma
*IO* difendo un assetto politico ed ideale, Dichiarazione Universale
ONU, Costituzione Italiana, diritti umani e civili, legalità,
democrazia, libertà di pensiero e di parola, rifiuto del razzismo ...
Spero che Giacobino mi perdonerà questa ulteriore piccola intromissione.
A me Renzi sta simpatico, e lodevolissimo trovo il tuo panegirico in omaggio
alle forze di sinistra.
Però quattro giorni fa il partito laborista israeliano è uscito
dall'internazionale socialista, in quanto associazione antisemita.
Per cui, ribadendo le lodi al tuo, ti debbo però avvisare che potresti
scriverne mille uguali, ma non mi convinceresti ad aderire a una cosca razzista
antisemita.
--
Arduino d'Ivrea
Loading...