Discussione:
In Etiopia i primi passi di un bambino di 700.000 anni fa
(troppo vecchio per rispondere)
Bhisma
2018-03-11 11:08:22 UTC
Permalink
Raw Message
articolo da Archeologia Viva
https://goo.gl/9jFY1X
m***@gmail.com
2018-03-11 15:38:30 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Bhisma
articolo da Archeologia Viva
https://goo.gl/9jFY1X
Ma come hanno datato le impronte? Per me non è credibile...
Arduino
2018-03-11 19:21:23 UTC
Permalink
Raw Message
Post by m***@gmail.com
Ma come hanno datato le impronte? Per me non è credibile...
I moderni metodi di datazione sono molto precisi e attendibili.
Per cui la notizia è da considerarsi vera.
Un grazie a Bhisma per aver postato questo commovente ricordo di un
antichissimo passato.
--
Arduino d'Ivrea
Giacobino da Tradate
2018-03-13 15:06:34 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Arduino
Per cui la notizia è da considerarsi vera.
Sinceramente e' una non notizia. Dice solo che 700.000 anni fa
effettivamente andavano a piedi.

Capirai.
--
la cricca dei giacobini (C) M.G.
Bhisma
2018-03-12 10:38:51 UTC
Permalink
Raw Message
Post by m***@gmail.com
Ma come hanno datato le impronte?
E' la prima cosa che spiega l'articolo linkato.
Post by m***@gmail.com
Per me non è credibile...
Ah beh.
Bhisma
2018-03-12 18:35:07 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Bhisma
Post by m***@gmail.com
Ma come hanno datato le impronte?
E' la prima cosa che spiega l'articolo linkato.
Comunque, per chi volesse approfondire i problemi inerenti alla
datazione di quell'impronta, ecco l'articolo scientifico originale
pubblicato su Nature, con discussione tecnica della questione,
stratigrafia, radioisotopi, geocronografia etc.

https://goo.gl/4qc94B
m***@gmail.com
2018-03-12 22:25:43 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Bhisma
Post by Bhisma
Post by m***@gmail.com
Ma come hanno datato le impronte?
E' la prima cosa che spiega l'articolo linkato.
Comunque, per chi volesse approfondire i problemi inerenti alla
datazione di quell'impronta, ecco l'articolo scientifico originale
pubblicato su Nature, con discussione tecnica della questione,
stratigrafia, radioisotopi, geocronografia etc.
https://goo.gl/4qc94B
Ho letto e ho capito: le impronte erano impresse su fango successivamente coperto da cenere vulcanica. Grazie. Credevo impronte e basta...
Jinx
2018-03-13 14:59:15 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Bhisma
articolo da Archeologia Viva
https://goo.gl/9jFY1X
si possono far mille deduzioni: se il neger era scalzo significa che non
sapeva fare il calzolaio, e se non sapeva farsi le scarpe figurati se il
neger poteva costruirsi una barca per attraversare il Mediterraneo. Per
cui è chiaro che non sono stati i neger a popolare il mondo, ma gli
uomini si sono evoluti fuori dell'Africa, e poi venendo in Africa si
sono incrociati con le scimmie e sono usciti i neger
Arduino
2018-03-15 10:25:45 UTC
Permalink
Raw Message
Jinx <***@ell.it> ha scritto:

figurati se il
Post by Jinx
neger poteva costruirsi una barca per attraversare il Mediterraneo.
Passare da Israele era troppo complicato?
--
Arduino d'Ivrea
Jinx
2018-03-15 13:37:42 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Jinx
figurati se il
Post by Jinx
neger poteva costruirsi una barca per attraversare il Mediterraneo.
Passare da Israele era troppo complicato?
fai lo stesso errore che fanno molti: le migrazioni dall'Africa verso il
Medio Oriente sono state rarissime durante la storia, ed erano sempre
popolazioni bianche del nord Africa, mai i negri. La mancata
disponibilità d'imbarcazioni e di cammelli per attraversare i deserti,
hanno sempre bloccato in Africa le popolazioni negroidi, a meno che una
popolazione bianca non li traeva come schiavi. La prima migrazione di
negri documentata nel 1200 a.C. sono stati i micenei che hanno deportato
nubiani a Festo per farne mercenari, da cui deriva il popolo dei
filistei dall'aspetto negroide.
Arduino
2018-03-17 15:25:39 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Jinx
fai lo stesso errore che fanno molti: le migrazioni dall'Africa verso il
Medio Oriente sono state rarissime durante la storia, ed erano sempre
popolazioni bianche del nord Africa, mai i negri. La mancata
disponibilità d'imbarcazioni e di cammelli per attraversare i deserti,
hanno sempre bloccato in Africa le popolazioni negroidi, a meno che una
popolazione bianca non li traeva come schiavi. La prima migrazione di
negri documentata nel 1200 a.C. sono stati i micenei che hanno deportato
nubiani a Festo per farne mercenari, da cui deriva il popolo dei
filistei dall'aspetto negroide.
Sessantamila anni fa non c'era certo una suddivisione fra africani del nord,
più chiari, con gli africani del centrosud. Ma a spostarsi debbono essere
stati antenati degli odierni boscimani, e altre popolazioni di cacciatori,
più piccoli e chiari degli attuali neri. Poi il rachitismo (che colpiva chi
aveva pelle scura) e la mescolanza con i Neanderthal ha fatto il resto.
Gli attuali neri invece fino a tremila anni fa vivevano nella Nigeria a dstra
del delta del Niger. Poi pian piano hanno conquistato tutta l'Africa.
--
Arduino d'Ivrea
Jinx
2018-03-18 09:39:13 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Arduino
Post by Jinx
fai lo stesso errore che fanno molti: le migrazioni dall'Africa verso il
Medio Oriente sono state rarissime durante la storia, ed erano sempre
popolazioni bianche del nord Africa, mai i negri. La mancata
disponibilità d'imbarcazioni e di cammelli per attraversare i deserti,
hanno sempre bloccato in Africa le popolazioni negroidi, a meno che una
popolazione bianca non li traeva come schiavi. La prima migrazione di
negri documentata nel 1200 a.C. sono stati i micenei che hanno deportato
nubiani a Festo per farne mercenari, da cui deriva il popolo dei
filistei dall'aspetto negroide.
Sessantamila anni fa non c'era certo una suddivisione fra africani del nord,
più chiari, con gli africani del centrosud. Ma a spostarsi debbono essere
stati antenati degli odierni boscimani, e altre popolazioni di cacciatori,
più piccoli e chiari degli attuali neri. Poi il rachitismo (che colpiva chi
aveva pelle scura) e la mescolanza con i Neanderthal ha fatto il resto.
Gli attuali neri invece fino a tremila anni fa vivevano nella Nigeria a dstra
del delta del Niger. Poi pian piano hanno conquistato tutta l'Africa.
sappiamo poco della gentica delle popolazioni africane e in generale
delle popolazioni umane vissute sotto i tropici, per via del caldo che
distrugge rapidamente ogni residuo di DNA nelle ossa. Solo in alcune
zone montuose relativamente fresche anche ai tropici, sono stati trovati
resti di DNA mitocondriale che con le più moderne tecniche possono
essere decodificati.
Riguardo al DNA africano, il più antico risale a soli 15mila anni fa,
ritrovato in Marocco
www.shh.mpg.de/866128/north-africa-oldest-genomes

Si vede che quella popolazione era formata per 2 terzi da popolazioni
provenienti dal Medio Oriente, e solo per un terzo da negri
subsahariani. Il ceppo negroide aveva DNA intermedio tra i nigeriani e i
pigmei moderni, per cui era una popolazione oggi estinta che fu
capostipite della popolazioni africane più arcaiche. Questi dati si
mostrano conformi all'ipotesi che ci fu sempre un flusso continuo di
popolazioni provenienti dal Medio Oriente nel continente africano, che
prima colonizzavano il nord Africa e poi si spostavano a sud per
colonizzare l'Africa subsahariana.
ADPUF
2018-03-23 22:18:36 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Arduino
Sessantamila anni fa non c'era certo una suddivisione fra
africani del nord, più chiari, con gli africani del
centrosud. Ma a spostarsi debbono essere stati antenati degli
odierni boscimani, e altre popolazioni di cacciatori, più
piccoli e chiari degli attuali neri. Poi il rachitismo (che
colpiva chi aveva pelle scura) e la mescolanza con i
Neanderthal ha fatto il resto.
Forse erano più chiari perché stavano sotto gli alberi?
Post by Arduino
Gli attuali neri invece fino a tremila anni fa vivevano nella
Nigeria a dstra del delta del Niger. Poi pian piano hanno
conquistato tutta l'Africa.


Il gruppo linguistico bantu, il principale in Africa.

Poi c'è un gruppo linguistico a nord, nilo-sahariano, e i
residui tipo boscimani al sud, relegati nelle zone meno
ospitali.
--
E-S °¿°
Ho plonkato tutti quelli che postano da Google Groups!
Qui è Usenet, non è il Web!
https://en.wikipedia.org/wiki/Usenet
Jinx
2018-03-24 06:23:21 UTC
Permalink
Raw Message
Post by ADPUF
Post by Arduino
Sessantamila anni fa non c'era certo una suddivisione fra
africani del nord, più chiari, con gli africani del
centrosud. Ma a spostarsi debbono essere stati antenati degli
odierni boscimani, e altre popolazioni di cacciatori, più
piccoli e chiari degli attuali neri. Poi il rachitismo (che
colpiva chi aveva pelle scura) e la mescolanza con i
Neanderthal ha fatto il resto.
Forse erano più chiari perché stavano sotto gli alberi?
Post by Arduino
Gli attuali neri invece fino a tremila anni fa vivevano nella
Nigeria a dstra del delta del Niger. Poi pian piano hanno
conquistato tutta l'Africa.
Il gruppo linguistico bantu, il principale in Africa.
ecco appunto quello che intendo dire: i bantù sono una delle culture
negre più evolute, potevano espandersi anche verso nord, soprattuto
nella zona del Sudan limitrofa alla Nigeria, se non l'hanno fatto ci
deve essere il motivo che altre popolazioni africane più evolute vivono
nel nord Africa ostacolando ogni espansione di negri meno evoluti. Così
si spiega anche perchè i nubiani che hanno convissuto cogli egiziani per
millenni, non sono mai riusciti a colonizzare l'Egitto come hanno fatto
invece più volte nella storia popoli provenienti dal Medio Oriente.

Il flusso delle popolazioni in Africa ha seguito sempre la direttrice da
nord verso sud, l'unica eccezione fu circa 300mila anni fa con la
comparsa dei primi sapiens, che sono migrati in Medio Oriente dal nord
Africa. Poi una volta in Medio Oriente si sono accoppiati coi neaderthal
formando una popolazione ibrida superiore ad ogni africano, per cui da
allora in poi le migrazioni si sono sempre svolte dal Medio Oriente
all'Africa.
Post by ADPUF
Poi c'è un gruppo linguistico a nord, nilo-sahariano, e i
residui tipo boscimani al sud, relegati nelle zone meno
ospitali.
l'Africa è diventata il pozzo delle razze umane più arcaiche, e ironia
dela storia questi scimmioni negri stanno conquistando il mondo intero
grazie agli aerei e le navi costruiti dagli ariani
Stefano C.
2018-03-25 07:34:36 UTC
Permalink
Raw Message
Post by ADPUF
Forse erano più chiari perché stavano sotto gli alberi?
Intervengo con la premessa che non ne ho la minima idea. Però il concetto non è assurdo. Prima che i bantu introducessero l'agricoltura, l'Africa doveva essere molto più alberata di adesso.
Arduino
2018-03-27 18:32:59 UTC
Permalink
Raw Message
Post by ADPUF
Forse erano più chiari perché stavano sotto gli alberi?
Per la verità i pigmei sono piuttosto scuri, anche se vivono sotto gli alberi.
Però si può pensare che un Africa ricca di boschi fosse stata un posto ideale
per popoli come i boscimani dediti alla caccia. Mentre il loro colore e la loro
struttura esile ne avrebbe fatto dei pessimi coltivatori, anche se avessero
cercato di imitare i bantù. Forse per questo l'ultima enclave in cui erano
sfuggiti al lento genocidio, fu il Sudafrica.
Post by ADPUF
Il gruppo linguistico bantu, il principale in Africa.
Si, è un gruppo che ha anche caratteristiche etniche comuni. Gli altri sono
solo minoranze, tranne gli arabi che sono maggioranza dove vivono.
Post by ADPUF
Poi c'è un gruppo linguistico a nord, nilo-sahariano, e i
residui tipo boscimani al sud, relegati nelle zone meno
ospitali.
Esatto, i nilotici sono riusciti a resistere ai bantù nelle loro zone. Mentre
solo il deserto ha salvato dal genocidio completo gli ultimi boscimani.
--
Arduino d'Ivrea
Loading...